Chi ha inventato il basso elettrico?

chi ha inventato il basso elettrico

Leo Fender ha inventato il basso elettrico, Il primo prodotto in serie.

Il primo basso elettrico prodotto in serie fu il Fender Precision Bass. Leo Fender ha inventato il basso elettrico in California, nel 1951, prendendo le mosse dalla coeva chitarra Telecaster da egli stesso progettata. Ma il primo modello noto di basso elettrico a quattro corde come il contrabbasso (Mi-La-Re-Sol) è stato l’Audiovox Model 736 Bass Fiddle, costruito e messo in commercio in poche decine di esemplari a Seattle da Paul Tutmarc nel 1935, e caratterizzato da un pick-up magnetico, montato su un corpo solido, che permetteva l’amplificazione dello strumento.

Il Fender Precision Bass

Il primo esemplare venne alla luce nel 1951 in California, quando Leo Fender ebbe un’idea per soddisfare le esigenze dei bassisti dell’epoca con un nuovo strumento, più maneggevole, meno ingombrante, leggero e soprattutto amplificabile, rispetto all’ormai diffuso ma ingombrante contrabbasso. Nel 1957, Fender presentò il Precision nella sua attuale forma, con un disegno del corpo e della paletta riconducibile a quelli della Stratocaster, quindi smussato e più arrotondato nelle estremità.

Amplificazione del basso elettrico.

Anche il basso elettrico come la chitarra elettrica è amplificato tramite dei pick-up. Esistono vari modelli di pick-up che cambiano a seconda del genere per il quale il basso è progettato. Lo split-coil, chiamato “tipo Precision” o “P”, composto da due bobine ognuna con 4 magneti, ovvero due per corda. Il single-coil, chiamato “tipo Jazz” o “J”, composto da un unico corpo allungato che interessa tutte le corde.

 

Scopri tutti i modelli disponibili su Musicarte store.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *